Search
  • ITAL

Come Film e Serie TV Distorcono la Realtà del Crimine Organizzato Italiano

by Olivia Salinas


Questa settimana, ho deciso di parlare delle serie TV e dei film che riguardano organizzazioni criminali italiane, in particolare la serie Gomorra su Netflix. Seguo il corso ITL 320 con la Professoressa Fanelli e abbiamo discusso questo argomento e come queste serie TV e film possono indurre le persone a fare supposizioni e creare stereotipi sulla criminalità organizzata italiana. La storia del crimine organizzato italiano è sicuramente una storia popolare da raccontare nelle serie televise e film nel mondo di oggi. Tuttavia, potremmo chiederci perché c’è questo fascino diffuso per queste storie. Forse possiamo attribuirlo ai film come Il Padrino. Anche se non l’ho mai visto, è ovvio che molte persone hanno cominciato a fare supposizioni sul crimine organizzato italiano a causa della fama diffusa di questo film e di altri. Tuttavia, una cosa interessante che abbiamo notato è che i personaggi di questi tipi di film sono spesso rappresentati in maniera glamour. Possono essere idealizzati, il che spiega il motivo per cui gli spettatori sviluppano visioni distorte di com’è la vita per i membri di questi gruppi criminali. Il Padrino è uscito nel 1974, ma la popolarità di questo argomento e il modo in cui viene ritratto è ancora attuale in film e serie TV come Gomorra, che è uscita nel 2016.



Per fornire un sottofondo a Gomorra, la serie segue un clan della Camorra che è una delle più potenti organizzazioni criminali italiane. La Camorra risiede nella regione della Campania (perciò i suoi membri parlano il dialetto napoletano) e le sue origini risalgono al 17° secolo. La Camorra è nota per avere diversi clan individuali che spesso combattono tra loro. Il primo episodio è un esempio perfetto di questo perché il clan di Savastano e il clan di Conte sono rivali e combattono violentemente l’un l’altro per mantenere il potere.

Abbiamo guardato il primo episodio di Gomorra per la lezione e poi abbiamo discusso i personaggi e come sono rappresentati. All’inizio del primo episodio, seguiamo Ciro (il protagonista) e il compagno di casa del leader del clan rivale e li vediamo dare fuoco al suo appartamento ( in cui c’è la mamma). Questa scena ci aiuta a capire cosa fa Ciro per vivere e quanto impietoso sia. Tuttavia, durante l’episodio, gli spettatori cominciano ad apprezzare Ciro. Ma perché? In altre scene, Ciro è rappresentato in modo eroico e nobile. Quando è al bar e qualcuno lancia due bombe dentro, Ciro è uno dei pochi sopravvissuti e se ne va da solo. Questo ci dà l’idea che lui è invincibile e nulla può toccarlo. Un’altra scena mostra Ciro che mette a letto sua figlia e questo lo umanizza e lo fa sembrare un padre di famiglia. È raffigurato come forte, coraggioso, e amorevole -- nonostante il fatto che prenda ordini dal suo capo che spesso consistono nell’uccidere persone.


Mentre Pietro Savastano (il capo) è molto meno simpatico di Ciro, la sua vita è anche glorificata. La scena in cui ha un incontro con tutti i membri del suo clan dimostra il livello della sua autorità. È ovvio che se dice ai membri di fare qualcosa, loro devono farlo. Altrimenti, probabilmente li ucciderebbe. Pietro dà gli ordini ma raramente si sporca le mani. Questo dà agli spettatori l’impressione che lui è intoccabile e onnipotente. Mentre è vero che i capi di questi gruppi criminali sono molto pericolosi e potenti, la serie idealizza la loro personalità e li mette su un piedistallo.


Infine, Donna Imma è anche glamorizzata. Durante il primo episodio, lei è preoccupata di ottenere il perfetto divano per il loro soggiorno. In una scena, regala a Ciro un divano perfetto perché quello vecchio non era abbastanza buono per loro. Imma ordina un divano dopo l’altro come se non fosse un grosso problema. Per i Savastano, il denaro non è un problema. La loro casa è piena di mobili dorati e bei dipinti, e Imma è una buona rappresentazione di questa straordinaria ricchezza. Questo suggerisce che tutte le famiglie del clan vivono vite sontuose.


Mentre questo stile di vita per facilitare il commercio illegale può fare guadagnare un sacco di soldi, la serie fa sembrare le loro vite affascinanti, quando in realtà queste famiglie sono probabilmente più preoccupate di evitare la polizia che trovare il divano perfetto.

Nel complesso, mentre film e serie TV come Il Padrino e Gomorra possono essere divertenti da guardare e darci uno panoramica della vita dei membri di gruppi criminali italiani, possono anche distorcere la realtà. Gomorra è ancora una serie molto ben eseguita e la consiglierei a chiunque che è interessato a questo argomento o all’ascolto del dialetto napoletano. Però, penso che sia importante tenere a mente che in realtà, le persone coinvolte nella criminalità organizzata sono criminali che commettono spesso omicidi (a volte di bambini) e quindi non dovrebbero essere visti come questi grandi e potenti eroi dagli spettatori.